CRESCERE E' UNA BELLA STORIA

Incontro alla biblioteca di Misano Adriatico del 21/03/2017 

Clicca qui per vedere il video su VIMEO




GIOCHIAMO CON LE FILASTROCCHE
e con Marco Moschini 

Incontro con bambini di Scuola dell' ’Infanzia e dei primi due anni della Scuola Primaria 
(Durata dell’' incontro: dai 45 ai 60 minuti)


Le filastrocche sono “giocattoli di parole” da rompere, smontare e rimontare, ma anche giocattoli per sognare e per diventare grandi.
I bambini scelgono a caso, da un grande foglio appeso, alcune fra le 126 filastrocche che vengono offerte. 
L’autore mostra la sorpresa che c’è sotto: che cosa si nasconde dietro ai titoli che di volta in volta vengono indicati. 
Ogni filastrocca è un’occasione per stupirsi, con farfalle che prendono il volo dalle pagine di un libro, con “Befane” che camminano su tetti di compensato e con bolle di sapone che si mettono a rimbalzare.



LE FILASTROCCHE COME OCCASIONE DI RIFLESSIONE
per bambini dagli otto agli 11 anni
(durata: da 90 a 120 minuti)

L’incontro si divide in tre momenti:

  1. Giocare con le filastrocche:
    Le filastrocche sono “giocattoli di parole” da rompere, smontare e rimontare, ma anche giocattoli per sognare e per diventare grandi. I bambini scelgono a caso, da un grande foglio appeso, alcune fra le 126 filastrocche che vengono offerte. L’ autore mostra la sorpresa che c’è sotto: che cosa si nasconde dietro ai titoli che di volta in volta vengono indicati.
    Ogni filastrocca è un’
    `occasione per stupirsi, con farfalle che prendono il volo dalle pagine di un libro, con “Befane” che camminano su tetti di compensato e con bolle di sapone che si mettono a rimbalzare.

  2. Alla scoperta delle qualità nascoste: 
    un burattino con la faccia verde è soltanto un burattino con la faccia verde?
    A partire da una filastrocca i bambini sono invitati a fare ipotesi sul comportamento di un burattino “diverso” e su come verrà accolto dagli altri burattini. Alla fine, la sua diversità sarà motivo di stupore per tutti.

  3. Imparare a vedere con occhi nuovi per vivere un’emozionante quotidianità. Come si fa per imparare a vedere le cose che “da fuori” non si vedono? Per imparare a leggere nei pensieri e nel cuore delle persone che ci stanno accanto, senza fermarci alle immagini di facciata? Ci possono aiutare i “rifiuti” che, trasformati in sorprendenti giocattoli, saranno capaci di rendere “sorprendenti”, ai nostri occhi, anche tanti esseri umani bollati come rifiuti.


LABORATORIO “DIVERSITA'”
per bambini dagli 8 agli 11 anni e i loro genitori
(durata dell'’ incontro: da 90 a 120 minuti)
Conduttore: Marco Moschini


  1. Parlare di “diversità” ai bambini:
    Dalla lettura di alcune filastrocche sui diritti dei bambini si passa alla riflessione sul concetto di "diritto", con l'aiuto di candele di diversa forma e colore.
  2. Dal concetto di "diritto" a quello di "dovere".
  3. La Pace nasce dal rispetto dei diritti nostri e di quegli degli altri.

  4. A partire da una filastrocca che tratta di "diversità", i bambini sono invitati a fare ipotesi sul comportamento di un burattino “diverso” e su come verrà accolto da altri burattini. 
    Alla fine la sua diversità sarà motivo di stupore per tutti.

  5. Ma come si fa per imparare a "vedere" le cose che “da fuori” non si vedono? Per imparare a leggere nei pensieri e nel cuore delle persone che ci stanno accanto, senza fermarci alle immagini di facciata e all'’apparenza?
    Ci possono aiutare i “rifiuti” che, trasformati in sorprendenti giocattoli, saranno capaci di rendere “sorprendenti”, ai nostri occhi, anche tanti esseri umani bollati come “rifiuti”.
  1. “Non ci provare a prendermi in giro!”:
    Occorre fornire ai bambini strumenti verbali che li aiutino a difendersi, sia pure con leggerezza e umorismo, dall’ottusità e dalla prepotenza. 

  2. Non si può restare indifferenti:
    Quando si parla di “diversità” ai bambini, è anche l’indifferenza dilagante che va presa in considerazione e affrontata, utilizzando situazioni “provocatorie” che restituiscano il senso di un’esperienza viva e assumano il valore di una “vaccinazione mentale”.


LEZIONE ALL`UNIVERSITA` DI MACERATA

Q
uesto è il link per accedere alla registrazione della lezione sulla Letteratura per
l' infanzia tenuta il 19/11/2012 alla Facoltà di Scienze della Formazione dell' Università di Macerata:

http://flash1-bo1.unimc.it/streamings/sdf_I_sem_2012-13/moschini_semin_letter_infanz/


POESIA E GIOCATTOLI: GIOCATTOLI DI PAROLE
E GIOCATTOLI DI LEGNO
Incontro adatto a un pubblico sia di bambini sia di adulti
(durata: 1 ora)

A forza di incontrare bambini qua e la per le scuole d`Italia, ho messo a punto uno spettacolino rivolto sia ai bambini sia ai loro genitori: una cosa piccola ma emozionante, che parla al cuore e alla mente e dove la poesia prende vita e movimento appena viene abbinata a giocattoli che entrano in funzione.

Poesia e giocattoli, di Marco Moschini





 
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie LEGGI L'INFORMATIVA. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'?uso dei cookie
  Site Map